È appena uscito l’ultimo lavoro della bravissima Stefania Tallini, Uneven, cioè Irregolare perché ciò che più la ispira è l’irregolarità, l’asimmetria, l’imprevedibilità. ” Trovo che ciò che è improvviso e inatteso sia molto più interessante del “già saputo”, nel bene e nel male, anche con tutti i rischi che questo comporta” dice l’artista.
La accompagnano Matteo Bortone al contrabbasso e Gregory Hutchinson alla batteria.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail