Categoria: VIDEO

Gianluca Giura

Gianluca Giura

Innamorato di Marilyn Monroe, Bob Marley, Fabrizio De André, della Roma e di Francesco Totti. Avvocato con un Master in Giurista d’Impresa, presta il suo tempo come funzionario pubblico. Incapace di risolvere qualsiasi problema si è dato alla compilazione di liste della spesa “copia e incolla” e canzoni di 4° ordine di cui qualche volta ama vantarsi.
Gianluca Giura

Latest posts by Gianluca Giura (see all)

Quando i vecchi compagni si incontrano di nuovo, Mykal Rose, Sly Dunbar e Robbie Shakespeare. I tre hanno lavorato a lungo insieme ai tempi dei Black Uhuru e registrato una serie di singoli di successo, tra cui “General Penitentiary”; in una re-registrazione di successo di Rose, come “Guess Who’s Coming to Dinner”, e “Shine Eye […]

Leggi tutto

Moreno Stortini

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Latest posts by Moreno Stortini (see all)

Ricordiamo Scott Joplin il celebre musicista e compositore che divenne famoso come il “Re del Ragtime”. Quando il padre di Scott lasciò la piantagione della Carolina del Nord dove era nato schiavo, c’era una cosa che volle portare con sé: gli echi degli spirituals che aveva ascoltato nei campi. In quelle canzoni aveva trovato sollievo, […]

Leggi tutto

Moreno Stortini

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Latest posts by Moreno Stortini (see all)

Un video del 1959 dei Jazz Messengers di Art Blakey, che suonano “A Night In Tunisia”, mostra la potenza implacabile dell’esibizione della band, con un Lee Morgan (tromba) che suona più alto e forte che può per essere ascoltato nonostante le percussioni.

Leggi tutto

Moreno Stortini

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Latest posts by Moreno Stortini (see all)

A partire dagli anni ’20 il jazz influenzò ad ogni livello la canzone americana e i ritmi sincopati divennero sempre più frequenti. Una delle più famose canzoni chiaramente influenzata dal jazz è On the Sunny Side of the Street (1930), un “evergreen” con il quale continuano a misurarsi tutti i più famosi solisti e cantanti […]

Leggi tutto

Moreno Stortini

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Latest posts by Moreno Stortini (see all)

È una canzone per aiutarci ad apprezzare la nostra capacità di amare ed essere amati, e il prezioso dono che è la nostra debole e fugace presenza su questo pianeta. È l’amore per la vita, per l’unione, che i Rastafari chiamano “Full Joy”, sia nella perfezione dei fiumi e dei mari di Madre Natura, sia […]

Leggi tutto

Moreno Stortini

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Latest posts by Moreno Stortini (see all)

Una guajirita che non sta in nessun disco Chucho Valdés – piano Ramón Vázquez – contrabbasso Dreiser Durruthy – güiro Yaroldy Abreu – congas

Leggi tutto
22 visitatori online
1 ospiti, 21 bots, 0 membri
Numero max di visitatori odierni: 52 alle 08:15 pm
Mese in corso: 52 alle 10-18-2019 08:15 pm
Anno in corso: 95 alle 01-02-2019 07:35 am
Complessivo: 194 alle 10-19-2018 06:25 am