Paquito D’Rivera

“Mio ​​padre è ancora oggi una figura importante per capire la mia carriera. Era un classico sassofonista. Non ha mai avuto la capacità di improvvisare. Ma amava la musica di Ellington, e in particolare la Goodman Orchestra. Suonava per me molte canzoni di Goodman. Non lo chiamò mai “jazz”. Per qualche ragione non gli piaceva la parola “jazz”. Preferiva chiamarlo “swing”. Riproduceva la Goodman Swing Orchestra con la meravigliosa interpretazione di Goodman del Concerto per Clarinetto di Mozart. Avevo 8 o 9 anni e anche piuttosto confuso. Ma era una confusione molto felice, perché aveva il concetto di quella musica. Era molto Ellingtoniano, non solo perché amava l’orchestra di Ellington, ma perché diceva che esistono solo due tipi di musica: la bella musica e quella che non lo è. Quando suoni, devi cercare almeno di capire i diversi stili della musica, diventerai un musicista migliore, come quando si parla lingue diverse. Capisci meglio la vita, sai? Quindi, penso che si commetta un grosso errore quando la ci si concentra su un solo stile. Molte persone di jazz sono talvolta troppo settarie. Non vogliono sentire altro che Bird, Dizzy, Ellington e così via. Penso che questi grandi musicisti jazz siano così grandi perché capiscono altre culture. Il jazz è una musica uscente da una società e da un paese multietnico. In questo meraviglioso stile chiamato “jazz” ognuno ha messo la propria esperienza. Così, mio ​​padre lo ha inteso fin dall’inizio e sono stato molto fortunato ad essere suo studente” – Paquito D’Rivera

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail