Categoria: LATIN

nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Sebbene la musica della Repubblica Dominicana (e anche quella di Portorico) abbia la stessa origine, spagnola e africana, e la stessa formazione della musica cubana, è da questa sostanzialmente differente. L’unica forma musicale dominicana che ha fatto breccia e lasciato un’impronta nel mondo e, in particolare, negli Stati Uniti, scenario fondamentale dell’incontro fra culture, è […]

Leggi tutto
nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Ricordate il gruppo Irakere? Bene, le sonorità tracciate da Chucho Valdès & company sono ancora vive e magistralmente riprodotte in questo ultimo lavoro degli Hermanos Arango, Bendita Guanabacoa. La rumba guaguancò e yambù viene dissolta con eleganza nel jazz e anche in accenti di musica popolare ballabile.

Leggi tutto
nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Una descarga è una jam session di musica cubana, spesso un’improvvisazione libera su una melodia conosciuta ma senza arrangiamenti predefiniti. Quando un musicista si mette a descargar non deve dimostrare tecnica ma improvvisazione anche se l’ispirazione richiede tecnica. L’artista che improvvisa deve dimostrare agli altri fino a dove può arrivare con la sua immaginazione e […]

Leggi tutto
nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Nestor Torres (flauto) ripropone Jungle Fantasy il vecchio successo di Esy Morales, di cui Herbie Mann ne fece una versione eccellente. Tratto dal disco “JAZZ FLUTE TRADITIONS”, lo accompagnano Silvano Monasterios al piano, Jamie Ousley al basso, Michael Piolet alla batteria e Jose Gregorio Hernandez alle percussioni.

Leggi tutto
nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

Ignacio Villa, alias Bola de Nieve (1911-1971), fu un allegro intrattenitore cubano con un repertorio internazionale ma che si specializzò nel “bolero filin” e nelle canzoni afro dei fratelli Grenet, ispirandosi spesso ai poemi di Nicolás Guillén. Bola registrava di solito accompagnato da orchestre, ma nei piccoli locali si esibiva come piano man. Questo spiega […]

Leggi tutto
nato a Bastia Umbra vive attualmente a Roma, funzionario pubblico, interessato da sempre alla musica e da essa condizionato nella vita e nelle scelte. Per lui la musica è poesia, amore per la bellezza, motore della propria vita. Negli anni ’70 il Rock, poi ascolta e legge di Jazz, infine l’America latina, dove vive per un breve periodo e poi frequenta, affascinato dalla musica, dalla storia e dallo studio delle civiltà precoloniali e delle radici africane, indelebili per i popoli delle Ande e dei Caraibi. Conquistato da questo miscuglio di razze, di suoni e di lingue, che interpreta come artefici della creazione di un sentimento nuovo di Musica e di Letteratura, capace di segnare i destini del mondo occidentale e non solo. E, last but not least, l'Afro latino con il jazz, una bomba di suoni e di emozioni che per lui “non ha uguali”. Innamorato di ciò, spende voglia ed emozioni che spera di trasmettere.

La musica in Messico è il risultato di un meticciato che ha interessato varie tradizioni europee, americane e africane. Si sa molto poco della musica pre-ispanica del Messico anche se sono numerosi i gruppi che rivendicano tale tradizione. Era una musica imitativa e guerriera, che cercava di ricreare i suoni della natura con strumenti di […]

Leggi tutto
42 visitatori online
1 ospiti, 41 bots, 0 membri
Numero max di visitatori odierni: 59 alle 01:55 am
Mese in corso: 200 alle 03-12-2020 07:38 pm
Anno in corso: 200 alle 03-12-2020 07:38 pm
Complessivo: 200 alle 03-12-2020 07:38 pm