Un video del 1959 dei Jazz Messengers di Art Blakey, che suonano “A Night In Tunisia”, mostra la potenza implacabile dell’esibizione della band, con un Lee Morgan (tromba) che suona più alto e forte che può per essere ascoltato nonostante le percussioni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail